Dieta Doc | La cottura a bassa temperatura per abbassare il carico glicemico
16300
post-template-default,single,single-post,postid-16300,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

La cottura a bassa temperatura per abbassare il carico glicemico

La cottura a bassa temperatura per abbassare il carico glicemico

Abbiamo visto in un precedente articolo i vantaggi della cottura sottovuoto, che ha lo scopo prioritario di mantenere quanto più possibile le caratteristiche organolettiche naturali della materia prima e di esaltarne gli aromi e i sapori.

Oggi parliamo di un metodo che permette di migliorare la digeribilità dei piatti, ridurre l’apporto calorico e abbassare il carico glicemico, cioè di controllare il valore della glicemia dopo il pasto: è sufficiente elaborare i piatti tradizionali sostituendo alcuni ingredienti e modificando la tecnica di cottura.

CAPONATA DI VERDURE CLASSICA
Andiamo in cucina e prepariamo la Caponata di verdure, piatto tipico della tradizione siciliana: viene usato come antispasto o come contorno e solitamente viene servito freddo.

Gli ingredienti sono perfetti, in linea con la sana e corretta alimentazione seguendo i canoni della Tradizionale Dieta Mediterranea: melanzane, peperoni, cipolle, sedano, passata di pomodoro, olive nere sgusciate, capperi, pinoli, uvetta sultanina, sale, pepe nero, olio extravergine di olive.

Nella tradizione siciliana le melanzane e i peperoni vengono “lievemente” infarinati e fritti, gli altri ingredienti aggiunti dopo: il piatto è ottimo, ma per effetto della frittura risulta poco digeribile. Inoltre, per effetto della aggiunta della farina e dell’olio che viene assorbito dalle verdure, ha un più elevato apporto calorico e un aumentato carico glicemico.

CAPONATA DI VERDURE A BASSA TEMPERATURA
Con questa tecnica, invece, mettiamo tutti gli ingredienti “a crudo” in una casseruola ben coperta e lasciamo andare per 30 minuti a fuoco basso, mescolando un po’.
Il risultato è un piatto ottimo, semplice da cucinare, ben digeribile e sano, con meno calorie e senza picco glicemico.

Un po’ di numeri per 100 grammi di prodotto cotto e finito:
Caponata Siciliana – metodo Classico: 250 kcal / carico glicemico stimato attorno a 5.
Caponata Siciliana – metodo Dieta Doc: 150 kcal / carico glicemico stimato attorno a 1.

TEAM MEDICO DIETADOC



0