Dieta Doc | L’importanza dei micronutrienti
2030
post-template-default,single,single-post,postid-2030,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.4,vc_responsive

L’importanza dei micronutrienti

L’importanza dei micronutrienti

Per vivere l’organismo ha bisogno di Macronutrienti, ma questi non bastano. Per le sue funzioni vitali l’organismo ha bisogno anche di Micronutrienti.

I Macronutrienti sono:
– zuccheri, la cui funzione principale è fornire energia all’organismo;
– proteine, che hanno una funzione “plastica” che servono principalmente a far crescere e a riparare organi e tessuti;
– grassi, che formano le membrane delle cellule, altre sostanze importanti come molti ormoni e sono essi stessi una fonte di riserva energetica.
L’insieme dei macronutrienti determina l’impatto calorico di un cibo.

I MICRONURIENTI
I Macronutrienti non bastano. Per le sue funzioni vitali l’organismo ha bisogno anche di Micronutrienti, ossia sostanze necessarie in piccole quantità senza le quali molti processi biochimici nel nostro corpo funzionerebbero meno o non funzionerebbero del tutto: a questa categoria appartengono ad esempio le vitamine e i sali minerali.

Recentemente si è scoperto che nei cibi di origine vegetale ci sono ancora altre sostanze che hanno un ruolo molto importante nel mantenere efficienti i nostri meccanismi biologici: sono i cosiddetti composti fitochimici.

I COMPOSTI FITOCHIMICI
Sono presenti in tutti i vegetali e spesso sono responsabili del colore brillante che hanno frutta e ortaggi. Sono migliaia di composti diversi divisi in varie classi.

A cosa servono questi composti? Secondo una teoria evoluzionistica le piante non essendo in grado di muoversi e di fuggire dai pericoli, hanno dovuto mettere a punto delle strategie per difendersi principalmente dai microorganismi, dai parassiti, ma anche dai raggi ultravioletti dai quali non si possono riparare.

Le piante hanno pertanto imparato a difendersi producendo sostanze che, oltre ad avere un’ azione antibatterica e antifungina, svolgono un importante ruolo antiossidante in grado di combattere efficacemente lo stress cellulare cui vengono sottoposte. Quando ci nutriamo con i vegetali, assumiamo, seppure in piccola parte, queste sostanze benefiche.

Vediamo ora quali sono i composti principali e dove si trovano.

I POLIFENOLI
Una classe molto ampia è quella dei polifenoli, i composti fitochimici più presenti nel mondo vegetale.
Si ritrovano in:
– frutti colorati
– te nero e verde
– cacao
– vino rosso
– frutti di bosco
– olio di oliva spremuto e freddo.

Appartengono a questa famiglia anche i carotenoidi presenti nei vegetali di colore rosso e arancione, il licopene del pomodoro, gli isoflavoni della soia e la curcumina della curcuma.

I SULFORANI
Un’altra classe è costituita da molecole contenenti zolfo, i sulforafani, che si trovano principalmente in:
– cavoli
– broccoli
– rucola.

Altri composti solforati si trovano nell’aglio, nel porro e nella cipolla.

Monoterpeni: si trovano negli agrumi ed in alcune spezie di cui sono costituenti importanti degli olli essenziali.
Le saponine sono presenti nei legumi, nella soia e nei cereali integrali.

Tutte queste classi di composti sono dotate di attività antiossidate ed antinfiammatoria e, secondo molte opinioni qualificate, essi possono essere definiti “nutraceutici”, cioè alimenti in grado di agire positivamente sullo stato di salute contribuendo in maniera significativa nella prevenzione (e in certi casi anche nel trattamento) delle malattie cardiovascolari, del diabete, delle infezioni e di alcuni tipi di tumore.

Mangiando le 5 porzioni di frutta e verdura di diversi colori, così come consigliato dall’OMS anche sulla base di linee guida emesse nel 2012 dal National Cancer Institute americano, si assimilano circa 5-10 mila composti differenti essenziali per la salute. Ognuna di queste sostanze è presente in quantità molto piccole ed è l’insieme di questi composti che ha un’azione benefica per l’organismo.

TEAM MEDICO DIETA DOC



0